IL FRUMENTO

Millenni di storia di un’arte che si rinnova

Il frumento è sin dalla preistoria il più conosciuto dei cereali; tale caratteristica dipende dalla sua adattabilità ad ogni tipo di terreno ed a differenti climi, tanto che la sua area di coltivazione è compresa tra 30° e 60° latitudine nord e tra 20° e 40° latitudine sud.

Attualmente vengono coltivate circa dieci specie di frumento del genere Triticum, ma solo quattro di queste rivestono un interesse dal punto di vista commerciale: T. monococcum (diploide), T. turgidum (tetraploide), T. timopheevi (tetraploide) e T.aestivum (esaploide). Di questi il T. aestivum, comprendente il T. vulgare comunemente chiamato frumento tenero, ed il T. turgidum, a cui appartiene il T. durum comunemente chiamato frumento duro, sono quelli coltivati in modo estensivo.

La cariosside del frumento è costituita da tre parti fondamentali: l’endosperma, la crusca ed il germe. L’endosperma costituisce circa l’83% della cariosside e rappresenta la parte fondamentale degli sfarinati, e contiene amido e dal 70 al 75 % delle proteine della cariosside.

La parte corticale o crusca, circa il 14 % del chicco, particolarmente ricca di fibra alimentare, mentre il germe, 3% della cariosside, embrione del seme,viene di solito allontanato prima della macinazione in quanto, a causa della presenza di grassi ad elevato contenuto di acidi grassi insaturi, comprometterebbe, con la loro presenza, la conservabilità degli sfarinati.

Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.